Adventure Travel

Santanchè, sfiducia respinta. «Caso Enit? Tutte sciocchezze»

Santanchè, sfiducia respinta. «Caso Enit? Tutte sciocchezze»


04 Aprile

14:35
2024



Stampa questo articolo

Come Matteo Salvini, Daniela Santanchè incassa la fiducia della Camera in contumacia. Il ministro del Turismo anche oggi era il convitato di pietra in un’Aula semideserta, che con 213 no ha respinto la mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle e sottoscritta da tutte le opposizioni, a eccezione di Italia Viva: 121 i sì, 3 gli astenuti.

Una richiesta di dimissioni motivata dall’ipotesi di reato a carico di Santanchè per truffa aggravata ai danni dell’Inps, nell’indagine della Procura di Milano sulla presunta gestione irregolare della cassa integrazione in deroga Covid della società Visibilia, dalla quale è uscita nel 2022.

«In una democrazia il Parlamento è sovrano e il voto mi sembra molto chiaro – il primo commento della titolare del Mitur, a margine della nona edizione del Meet forum sul Turismo sostenibile a Pietrarsa – Sono molto tranquilla e il mio stato d’animo è uguale a quello di ieri, a quello di una settimana fa e di un mese fa, io continuo il mio lavoro».

Bypassata la mozione di sfiducia, nei pensieri di Santanchè in questo momento – secondo la Repubblica – c’è Enit, diventato Spa e con una presidente nuova di zecca, Alessandra Priante. Il ministro aveva indicato, in base al nuovo statuto, Elena Nembrini come direttore generale, accanto all’amministratore delegato Ivana Jelinic. La nomina, però, è slittata: nell’ultimo cda, Priante avrebbe chiesto tempo così come l’altro componente, il consigliere Sandro Pappalardo.

Un pit stop che, sempre secondo la Repubblica, sarebbe indice della volontà di Palazzo Chigi di prendere “la questione in mano”. Un’interpretazione respinta con decisione da Santanchè, parlando con i giornalisti oggi a Pietrarsa: «Non c’è stata alcuna invasione di campo sull’Enit e il presidente del Consiglio ha altre cose di cui occuparsi. Se qualcuno vuole scrivere sciocchezze e trovare del male in tutto, va bene, ma non le sto nemmeno a commentare».

«Mi stupisco – ha osservato ancora il ministro – che accada sul Turismo, perché è un patrimonio del Paese: non dovrebbe esserci destra e sinistra, dovremmo essere tutti orgogliosi di essere italiani e di lavorare affinché il comparto porti posti di lavoro e ricchezza nelle nostre comunità. Se ci dividiamo anche sul Turismo non so più che cosa dire».

About author

Articles

Mike Lan, an adventure travel writer, transforms his thrilling escapades into captivating narratives. His work, a testament to his spirit of exploration, invites readers to join his exhilarating journey. Experience the world through Mike’s eyes, one adventure at a time.
Related posts
Adventure Travel

Voglia d’Italia tra i brasiliani: presidio Enit al Wtm Latin America

19…
Read more
Adventure Travel

Gite, il turismo organizzato a Valditara: “Stop abusivismo”

19…
Read more
Adventure Travel

Sacbo in rosa: Amelia Corti neo dg dell’aeroporto di Milano Bergamo

16…
Read more
Newsletter
Become a Trendsetter
Sign up for Davenport’s Daily Digest and get the best of Davenport, tailored for you. [mc4wp_form id="729"]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *